Tecnologie al servizio delle persone e dell’ambiente, le proposte dai giovani per la rinascita

6000 partecipanti all'edizione online del Social Innovation Campus 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Oltre 6000 persone hanno partecipato all’edizione digitale del Social Innovation Campus 2021 promosso da Fondazione Triulza, che si è svolto il 3 e il 4 febbraio attraverso un articolato programma culturale sul tema “Social – Tech: la reazione per rinascere” costruito in modo partecipato con il coinvolgimento di 50 organizzazioni e oltre 400 relatori anche internazionali. 3000 studenti delle scuole Superiori di II grado, IFTS e Università, dalla Lombardia alla Sicilia, hanno avuto l’opportunità di partecipare a circa 50 laboratori dedicati utili per approfondire temi tecnici e scientifici, d’orientamento al lavoro, di educazione civica, ottenere specifiche certificazione Open Badge. In periodo di “consultazioni”, al Campus sono state ascoltate le proposte degli studenti attraverso un hackathon e una gara– dibattito su soluzioni e idee concrete per co-progettare il futuro delle loro città. Altri 3000 partecipanti del mondo dell’economia sociale, del terzo settore, delle aziende, della finanza, dell’universitàdella ricerca e delle istituzioni hanno seguito due Contest per cooperative innovative e start- up sociali e 30 workshop tematici con collegamenti con diverse piazze d’Italia e del mondo: Europa, Stati Uniti, America Latina, Medio Oriente, Africa.

“Tre i filoni tematici e progettuali di questa edizione: il primo – spiega Massimo Minelli, Presidente di Fondazione Triulza – e quello più importante è il coinvolgimento dei giovani a cui chiediamo di proporci le loro soluzioni per migliorare la qualità della vita delle persone e dell’ambiente nella la città del futuro. Noi gli diamo gli strumenti e creiamo le condizioni per farli ascoltare e confrontarsi con tecnici e persone di altissimo profilo da settori diversi. Il secondo grande tema è quello dell’impresa sociale innovativa. I due Contest che sono la vera novità di quest’anno del Campus ci hanno permesso di conoscere cooperative e start up sociali che fanno innovazione a impatto sociale e che abbiamo inserito in un percorso di capacity building che vogliamo diventi un modello in MIND per aiutare concretamente lo sviluppo di imprese capaci di creare valore sociale e valore economico attraverso l’utilizzo delle tecnologie e dell’innovazione. Infine – conclude Minelli – un altro grande tema che è ritornato in tanti eventi del Campus è l’Economia Circolare che riguarda tutti e che deve essere concreta, con fatti ed esperienza tangibili”.

Dagli studenti di Busto Arsizio e di Vimercate applicazioni #socialdetox e sull’agricoltura biologica per l’area MIND. 
I vincitori dell’edizione 2021 dell’hackathon del Social Innovation Campus hanno messo al centro dei loro progetti la cura delle persone, delle comunità insieme a quella del territorio e dell’ambiente. La giuria ha assegnato il primo premio di 2.500 euro al team SmartTosi, studenti delle classi 4° e 5° dell’Istituto Tecnico Economico Enrico Tosi di Busto Arsizio (VA) per il progetto TimeUp #socialdetox, che prevede la creazione di un’applicazione funzionale all’organizzazione di attività educative e divertenti nell’area MIND che possano permettere alle persone di passare del tempo lontano dai dispositivi elettronici e creare comunità.  Il secondo premio di 1000 euro è stato assegnato al team del percorso IFTS della Fondazione Green di Vimercate (MB) per il progetto di social network “GreenCity”, strumento per la condivisione di conoscenze e di pratiche agricole sostenibili intorno alle quali creare coesione e inclusione sociale e generare valore nella comunità che nascerà in MIND.All’hackathon hanno partecipato 14 team di scuole della Lombardia e della Sicilia che hanno dimostrato un grande impegno, creatività ed un altissimo livello progettuale. Le tecnologie da loro proposte non sono fine a se stesse ma uno strumento per stare insieme, creare comunità attivando le persone su temi ambientali e sociali utilizzando modalità divertenti e coinvolgenti. Rispetto alla prima edizione è aumentata la partecipazione delle studentesse nei team. 

Da Novis Lab e Genera Onlus Tecnologie per l’accessibilità e la cura dei malati croniciIl Social Innovation Campus guarda sempre di più alle proposte di cooperative innovative e start up sociali e, nell’edizione del 2021, vi dedica due Contest, organizzati all’interno del progetto “Miracolo a Milano”, finanziato da Fondazione di Comunità Milano Onlus.   9 cooperative innovative e 9 start-up sociali, dopo un percorso di analisi dei bisogni e accompagnamento da parte di 20 organizzazioni aderenti alla banca delle competenze e l’inserimento di borsisti del Politecnico di Milano, hanno avuto l’opportunità di sfidarsi e di presentare il proprio progetto davanti a una giuria ampia e qualificata di circa 40 soggetti del mondo della finanza, delle imprese, del terzo settore, della ricerca.

Genera Onlus vince il Contest Cooperative innovative con il progetto Smart4 Alzheimeruna nuova offerta di presa in carico del paziente cronico che parte dai bisogni dei malati e delle famiglie e dalle drammatiche esperienze di solitudine e isolamento vissute durante la pandemia. Genera Onlus ha sviluppato tecnologie on demand per rispondere alle necessità mediche e terapeutiche dei pazienti, discreti dispositivi indossabili che possono attivare pulsanti per chiamate d’emergenza, servizi a domicilio e anche da remoto. Il progetto sarà personalizzato per diversi tipologie di malato cronico. Il premio assegnato a Genera Onlus prevede la partecipazione gratuita per una persona al master BEEurope sulla progettazione europea e al nuovo master sull’economia circolare promosso da Fondazione Triulza con Valore Italia e Italia Circolare, un voucher di € 2500 più iva da spendere presso la società GoodPoint per attività di accompagnamento e un voucher di € 2500 più iva da spendere presso la società LITA.co per la realizzazione di una campagna di raccolta di capitali – equity crowdfunding. 

Novis Lab vince il Contest start-up con il progetto NovisGames, prima esperienza di gioco completamente accessibile a persone cieche ed ipovedenti. Attraverso un ambiente digitale immersivo dalle caratteristiche acustiche e tattili è possibile giocare senza l’interfaccia video, tecnologia che garantisce l’inclusione promuovendo uno stile di vita attivo e partecipativo. La start-up vince un voucher di 10.000 euro da spendere in consulenze per la definizione o l’approfondimento del piano d’impresa.

Partner del Campus. Il Social Innovation Campus è stato promosso dal comitato scientifico della Social Innovation Academy di Fondazione Triulza in MIND – Milano Innovation District. Official partner sono Arexpo, Lendlease, IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi, Fondazione Human Technopole e Università degli Studi di Milano. I Main sponsor dell’iniziativa sono Coopfond – Confcooperative, Fondazione Bracco, Fondo Sviluppo-Legacoop, UniCredit e Gruppo Unipol. Gruppo CAP-Fondazione CAP, Planet Smart City e Umana, sono sponsor.
L’edizione 2021 ha ricevuto il sostegno e il contributo della Regione Lombardia e il patrocinio di ASviS, della Città Metropolitana di Milano e del Comune di Milano.
Content partner dell’iniziativa sono stati: ACRA, Altroconsumo, BEEurope, Cariplo Factory, CASYE-Erasmus+, CDO Opere Sociali, CGM, CSR-IS il Salone CSR e dell’Innovazione Sociale, CSV Net Lombardia, CSV Milano-Voce, Distretto 33, Enaip Lombardia, European Commission – JRC, Factory Cariplo, Fondazione Cariplo, Fondazione di Comunità Milano Onlus, Fondazione Italiana Accenture, Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore, Italia Circolare, Legambiente Lombardia, Lita.co, Net, Valore Italia e WeWorld. CVing, Mimesi, House 264 e TechSoup Italia sono sponsor tecnici. Vita Non profit, media partner.